anni 80-90 - mercatino

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

anni

Anni 80 - 90   Anni 80 - 90   Anni 80 - 90   Anni 80 - 90   Anni 80 - 90   Anni 80 - 90

Gli anni Ottanta - Sono gli anni dell'edonismo, della voglia di affermarsi e di apparire a tutti i costi. Un decennio in cui si dà più importanza all'apparenza che alla sostanza. Cresce il progresso in campo tecnologico e con esso il modo di vivere e di lavorare nella società moderna. Nascono i primi computer, i cd e la competizione tra i media televisivi. La neonata Canale5 darà del filo da torcere a "Mamma Rai" fin dai primi anni, costringendola a rivedere simboli e palinsesti per adeguarsi alla concorrenza. La competizione è un elemento dominante anche nel mondo del lavoro soprattutto tra uomini e donne. La donna in carriera, sempre bella, efficiente ed elegante rappresenta l'espressione più tipica dell'universo femminile degli anni '80. Dilaga il consumismo. In Italia i prezzi salgono alle stelle e l'inflazione raggiunge, nella prima parte del decennio, livelli altissimi. Unica certezza la grande ondata musicale di quegli anni, che raggiunge grandi exploit di vendita grazie anche alla diffusione del supporto digitale e la nascita del fenomeno dei videoclips.


CINEMA

Yuppies – I Giovani di Successo (1986)
Film culto degli anni 80 per eccellenza, Yuppies credo sia uno dei più fedeli ritratti della società borghesotta di quel tempo. Semplicemente si tratta della più geniale caricatura dei “figli di papà” di quegl’anni, rampolli di famiglie benestanti che avevano solo un obiettivo nella vita: sperperare il patrimonio! Cast di fuoriclasse del genere: Greggio interpreta Willy, venditore d’auto sciupafemmine;  Jerri Calà è Giacomo, pubblicitario senza grande inventiva; Boldi veste i panni di Lorenzo, apprendista notaio...



_________________________________________________________________________________________

L’Attimo Fuggente (1989)
Un college elitario, ragazzi di buona famiglia, di quelle buone famiglie che si ricordano di loro soltanto per gli impegni ufficiali, ragazzi e basta. E un professore, un professore di letteratura inglese e basta. O forse no, forse non si può essere professori e basta, bisogna essere maestri. O capitani. Capitani della coscienza, pronti ad indicare la rotta o meglio, a dare gli strumenti per trovare la propria di rotta. John Keating, nel New England...




_________________________________________________________________________________________

Sotto il Vestito Niente (1985)
Prima di rovinarlo con il remake di qualche anno fa e tra un cinepanettone e l’altro, Carlo Vanzina sfornava questo discreto giallo, apice della sua carriera. Siamo a Milano, nella Milano da bere degli anni ’80. Siamo nel mondo delle modelle. Tra di loro si aggira un killer efferato che ne elimina una al giorno con un paio di forbici appuntite. La prima vittima è la sorella gemella di un ranger americano, del Wyoming. Il...


1980

è stato spesso definito l'anno dei terremoti. Veri e metaforici. Terremoto vero e, purtroppo anche disastroso, quello avvenuto nel mese di novembre in Irpinia. Ma è terremoto anche nel mondo del commercio a causa dell'introduzione della ricevuta fiscale obbligatoria. Nello sport esplode lo scandalo del calcio scommesse, che porta a squalifiche eccellenti tra le quali, la più eclatante, la retrocessione d'ufficio del Milan in serie B. Altri due tragici avvenimenti piombano come macigni sul nostro Paese: la tragedia di Ustica del 27 giugno, in cui persero la vita 81 passeggeri del DC9 dell'Itavia esploso in volo in circostanze ancora oggi da chiarire e l'attentato terroristico del 2 agosto alla stazione di Bologna, con un bilancio di 85 morti e 200 feriti. E' un momento difficile per gli Italiani che, qualche mese più tardi si troveranno a contare anche le migliaia di vittime del terremoto. Nel 1980 inizia la grande avventura di Bill Gates e della Microsoft: arriva il DOS, un sistema operativo che apre la strada alla produzione dei personal computer. L'opinione pubblica mondiale è scossa dall'invasione dell'Afghanistan da parte dell'Unione Sovietica. Questo gesto avrà ripercussioni anche alle Olimpiadi di Mosca in programma quest'anno. Molte nazioni decidono infatti di non partecipare ai giochi in segno di protesta. La Fiat,per cercare di uscire dalla crisi che l'ha colpita alla fine degli anni '70, mette in commercio la "Panda", una piccola vettura destinata ad un grande successo. In televisione è l'anno del debutto ufficiale di Canale5. La Rai per la prima volta si trova a dover competere con la concorrenza: si apre una serrata battaglia per la conquista di ascolti nell'etere televisivo, preludio di quella esasperata competizione a colpi di Auditel a cui assistiamo ancora oggi. Una importante novità anche in campo sanitario: nascono le USL, Unità sanitarie locali, suddivise in tutto il territorio nazionale. Entrano in funzione nel 1980 due trafori da record: quello del "Gran Sasso", lungo 10 km e quello del "Frejus", il più lungo d'Europa, che si estende per ben 13 km. Esce quest'anno "Il nome della rosa", il celebre romanzo di Umberto Eco, che ottiene subito una risonanza mondiale. In seguito dall'opera verrà tratto anche un film di grande successo. La stagione cinematografica è dominata essenzialmente da "Un sacco bello", primo film dello strepitoso Carlo Verdone, e dalla "Città delle donne", altro storico film di Federico Fellini. Nella moda l'annata è curiosamente caratterizzata dalla moda Western, giacche e giubbotti sfrangiati sono il trend del momento. Tra i più giovani dilagano le scarpe topsiders da yacht e il cosiddetto "Orsacchiotto", il simpatico giubbotto di pelouche. In discoteca esplode la musica funky. L'anno, purtroppo, si chiude male a causa di un grave lutto che colpisce uno dei più grandi miti della musica. La mattina dell'8 dicembre John Lennon viene ucciso nei pressi di Central Park da un giovane squilibrato di 25 anni, Mark David Chapman, che mette fine alla vita dell'ex Beatle con cinque colpi di pistola. A soli 40 anni si spegne così, per un gesto rimasto ancora incomprensibile, una vera leggenda della musica pop.

1981

Per le famiglie italiane si presenta subito problematico. Prezzi alle stelle e inflazione al galoppo. L'anno viene subito scosso da due attentati per fortuna senza conseguenze mortali. Il 30 marzo un mitomane spara un colpo di pistola a distanza ravvicinata all'indirizzo del Presidente americano Ronald Reagan, che ne esce indenne. Il 13 maggio a farne le spese è addirittura il Santo Padre Giovanni Paolo II, colpito in Piazza San Pietro da un fanatico turco di nome Alì Agca. Il Papa, ferito all'intestino, subirà un delicato intervento ma riuscirà comunque a ristabilirsi in breve tempo. In Italia dilaga lo scandalo della P2, la loggia massonica guidata da Licio Gelli, per cui la magistratura emette un ordine di cattura. In seguito agli avvenimenti il Governo Forlani è costretto a dimettersi e a cedere il testimone al primo governo laico della Repubblica dal 1945, presieduto da Giovanni Spadolini. Il 29 di luglio, a Londra, si celebra uno degli avvenimenti del secolo che hanno più incuriosito ed appassionato l'opinione pubblica: Il matrimonio del principe Carlo d'Inghilterra con Diana Spencer. La storia tra i due appassiona il mondo intero, forse perchè incarna il mito della favola in cui, una ragazza qualunque e di modesta estrazione sociale, arriva a sposare un principe. La cerimonia, davvero sontuosa, costerà complessivamente qualcosa come 125 miliardi. Il mondo della tecnologia è in gran fermento. Compaiono quest'anno i primi personal computer della Apple. In tv la concorrenza delle emittenti private si comincia a far sentire. La Rai ammoderna il proprio look introducendo i tre simboli geometrici che, fino all'arrivo della farfalla, hanno identificato le tre reti: la sfera per RAIUNO, il cubo per RAIDUE e la piramide per RAITRE. Comincia il serrato dibattito su cosa deve trasmettere un servizio pubblico in quanto tale. Una risposta efficace è costituita dalla nascita di "Quark", rubrica culturale di eccelsa qualità condotta da Piero Angela. Nel calcio "la Signora" Juventus si cuce sul petto l'ennesimo scudetto: siamo già a quota 19. Ai mondiali di canottaggio di Monaco di Baviera trionfano per la prima volta i fratelli Abbagnale nel "due con". Era da tredici anni che il canottaggio azzurro non si aggiudicava l'oro in questa specialità. La televisione vede nascere quest'anno il connubio con la musica in video. In America prendono il via le trasmissioni di MTV, la prima emittente interamente musicale che sforna videoclips 24 ore su 24. Il cinema italiano celebra il debutto del grande Massimo Troisi con "Ricomincio da tre", che mette subito in risalto le straordinarie qualità dell'indimenticabile attore napoletano. Il 1981 segna il ritorno dei riflettori sul festival di Sanremo, dopo l'oblìo in cui era piombato negli anni '70. Vince "Per Elisa", una canzone scritta da Battiato e cantata da Alice. Muore quest'anno Bob Marley, icona della musica Reggae.

1982

è un anno dominato da una forte componente di cinismo nei rapporti sociali e di lavoro, dal carattere deciso e competitivo, nel quale i furbi e i calcolatori hanno la meglio sugli altri che stanno a guardare. Decisamente un'annata che premia l'ambizione ai massimi livelli e per chi ha le giuste capacità. In questo clima decolla nella moda "il made in Italy". I grandi stilisti come Armani, Valentino, Missoni, Krizia, Versace, invadono tutto il mondo con i loro abiti firmati e fatturano decine di miliardi. Risale al mese di aprile l'assurda guerra delle Falkland, che vede contrapposte Argentina e Gran Bretagna nel contendersi un gruppo di isole piuttosto aride e prive di particolari risorse situate nell'oceano Atlantico. Un conflitto francamente incomprensibile che causa, purtroppo, numerose vittime costituite in gran parte da giovani reclute argentine. Fa scalpore il giallo legato all'omicidio del banchiere Roberto Calvi, che viene trovato impiccato sotto un ponte del Tamigi a Londra. La politica italiana è dominata dalle alternanze di governo. Spadolini, al suo secondo incarico come Presidente del Consiglio, resta in carica appena tre mesi prima di cedere il mandato al quinto governo Fanfani. La mafia inizia la sua escalation di omicidi eccellenti, preludio a quella che sarà qualche anno più tardi la tattica delle grandi stragi che porteranno all'uccisione di Falcone e Borsellino. In settembre viene assassinato insieme alla moglie ed un agente di scorta il Prefetto di Palermo Carlo Alberto Dalla Chiesa. L'avvenimento certamente più piacevole dell'anno è rappresentato dai Mondiali di calcio in Spagna, che vedono trionfare inaspettatamente un Italia partita in sordina e molto criticata dalla stampa sportiva. Per la prima volta, dalle Alpi alla Sicilia, il nostro Paese si riunisce in un solo coro entusiastico e sotto un'unica bandiera: quella della nazionale azzurra. L'esultanza del presidente Pertini, le epiche piroette di Bruno Conti e l'urlo liberatorio di Tardelli resteranno per sempre nei nostri cuori e nella storia del calcio italiano. Maurizio Costanzo inaugura quest'anno il "Maurizio Costanzo show", un programma televisivo in tarda serata che diventa ben presto un successo inossidabile negli anni. Ancora oggi dopo aver festeggiato i suoi vent'anni di attività, è uno degli appuntamenti più seguiti in tv dagli Italiani. La stagione cinematografica vede il successo della "Notte di San Lorenzo" dei fratelli Taviani, mentre si ride spensieratamente assistendo alla proiezione di "Borotalco", ennesima pellicola divertente che conferma il talento del grande Carlo Verdone. Per la musica i primi anni '80 sono gli anni dell'ascesa dei cantautori. L'anno è positivo per Franco Battiato, Pino Daniele e Renato Zero.


 
 
 
 
 
 
1983

è un anno frenetico, esuberante e ricco di novità. L'inflazione inizia a scendere e gli Italiani possono finalmente respirare un po' dal punto di vista economico. Esce quest'anno il primo PC per uso domestico, il famoso Commodore 64, che si comincia a vedere in molte case. Anche i videoregistratori diventano ormai elettrodomestici sempre più indispensabili nella nostra vita quotidiana. L'anno è storico anche per l'avvento del CD, il supporto digitale, che cambierà per sempre il modo di ascoltare musica costringendo inevitabilmente alla pensione il fedele e glorioso vinile. La fiat produce nel 1983 un'altra utilitaria che fa epoca: la "Uno". Nella prima parte dell'anno il clima politico in Italia è decisamente surriscaldato. Il 29 aprile si dimette il governo Fanfani. Il 26 giugno si va a nuove elezioni, dalle quali la Democrazia Cristiana ne esce in condizioni disastrose con un tracollo che la fa scendere ai minimi storici. Cresce il Partito Socialista e con esso anche la figura di Bettino Craxi, al quale il Presidente Pertini affida il nuovo incarico di Governo. Parole come pentapartito, sinergia, deregulation diventano parte integrante del linguaggio quotidiano oltre che simboli della svolta politica in atto nel nostro Paese. Tra le novità dell'anno emerge la mania dell'Oriente e la voglia di esotismo che dilaga tra gli Italiani. Esplode il boom dei ristoranti cinesi, che si moltiplicano anche nei piccoli centri, e nei locali si balla la danza del ventre, che diventa il trend del momento. Verso la metà dell'anno desta scalpore la drammatica vicenda che investe come un fulmine a ciel sereno un personaggio molto noto della televisione. Il 17 giugno, durante la notte, scatta nel napoletano una massiccia operazione di polizia nei confronti della criminalità organizzata. Molti gli arresti eccellenti, tra questi anche il popolare presentatore Enzo Tortora. Si tratterà, purtroppo, di un clamoroso errore giudiziario. Inizia così per il noto conduttore televisivo un vero e proprio calvario che lo vedrà umiliato e stritolato dagli ingranaggi della giustizia italiana, una macchina lenta e perversa che, prima di scagionarlo completamente dalle accuse, lo distruggerà fisicamente e moralmente fino a privarlo della sua dignità di uomo perbene. Restando in tema di televisione si può dire che l'annata è caratterizzata dal trionfo del varietà. Tra i programmi di maggior successo c'è "Pronto Raffaella", con Raffaella Carrà che tiene in sospeso l'Italia con un vaso pieno di fagioli. La concorrenza non è da meno e lancia "Drive in", un programma di nuovi talenti comici dal quale usciranno volti noti come Ezio Greggio e Teo Teocoli. La stagione del grande schermo si presenta molto ricca. Sono di quest'anno il celebre "ET" di Steven Spielberg, che diverte e commuove in tutto il mondo, "C'era una volta in America" di Sergio Leone, "E la nave va" di Fellini, "La chiave", un classico dell'erotismo di Tinto Brass interpretato da Stefania Sandrelli. Un altro film dell'anno è il mitico "Blade Runner", che getta le basi di una vera e propria moda nel vestire tra i più giovani, quella stile sopravvissuti, postatomici, che si fa strada in particolare a Londra. Nel calcio il 1983 porta lo scudetto nella capitale. Nelle strade di Roma impazzano i festeggiamenti: tutti cantano "Grazie Roma" di Antonello Venditti. Nell'automobilismo per la casa di Maranello è un anno storico: esce la magica Ferrari "Testarossa". Successo musicale dell'estate è "Vamos a la Playa" dei Righeira, che imperversa sulle spiaggie italiane per tutta la stagione.

1984

Si tratta di un anno apparentemente tranquillo, passivo, riservato. Non mancano però le novità a cominciare dalla definitiva affermazione del CD e da altri fenomeni nuovi come il videoclip musicale. Nasce infatti, prima in Europa, sul modello americano di MTV, Videomusic, la musica da vedere che diffonde videoclip 24 ore su 24. Apparire diventa importante anche nell'abbigliamento. Vanno di moda i colori Fluorescenti e scoppia il boom dei jeans usati. Più sono rotti e consumati, più sono ricercati. Addirittura c'è chi li compra e li strappa. Il Governo Craxi firma quest'anno un nuovo Concordato con la Santa Sede. Non succedeva dai Patti Lateranensi del 1929. Negli Stati Uniti viene rieletto per la seconda volta presidente Ronald Reagan. Gli astronauti americani del veicolo Challenger, si sono mossi nello spazio per la prima volta senza assicurarsi ad alcun cordone. Nel 1984 danno l'addio al mondo alcune grandi personalità della cultura e della politica. Muore il grande Edoardo De Filippo, grandissimo protagonista del teatro italiano e autore di più di 40 commedie, che aveva esordito all'età di 4 anni insieme al padre Eduardo Scarpetta. Ci lascia anche il grande attore americano Richard Burton. Lutto nel mondo della politica italiana per la scomparsa di Enrico Berlinguer, uno dei politici più amati dalla gente. Un milione e mezzo di persone gli renderanno omaggio nell'estremo saluto. Gode ottima salute lo sport italiano: alle Olimpiadi di Los Angeles Alberto Cova conquista l'oro nei 10.000 metri. Podio dorato anche per Alessandro Andrei nel lancio del peso e per Gabriella Dorio nei 1.500 metri femminili. Buona anche la prestazione di Sara Simeoni che si aggiudica la medaglia d'argento nel salto in alto. Esulta anche il ciclismo: Moser vince il 67° Giro d'Italia. Tra le curiosità dell'anno è da ricordare la notizia del ritrovamento di due teste di pietra attribuite al grande Modigliani, che si riveleranno in un secondo tempo un clamoroso falso ad opera di studenti dilettanti. E' tutto vero invece e decisamente meritato il successo del film "Non ci resta che piangere", interpretato dall'inedita coppia Troisi-Benigni, un'esilarante commedia ambientata nel 1492, anno della scoperta dell'America. In televisione il programma dell'anno è "La piovra", con Michele Placido nei panni del commissario Cattani, che ottiene un tale successo da essere in seguito riproposto in svariate edizioni. Dopo sette mesi di carcere e tre di arresti domiciliari torna in libertà Enzo Tortora, grazie anche alla sua elezione al Parlamento Europeo. L'anno si chiude in bellezza per l'Italia con l'assegnazione del Premio Nobel per la fisica al Professor Carlo Rubbia. Tra i successi musicali dell'anno non possiamo non ricordare "Vita spericolata", una delle più belle canzoni di Vasco Rossi, La poetica "Donna cannone" di Francesco De Gregari, "Terra promessa", il primo successo di Eros Ramazzotti, "Ci vorrebbe un amico", l'indimenticabile inno all'amicizia di Antonello Venditti. I più ballati e i più gettonati sulle spiagge sono ancora i Righeira con "No tengo dinero". Per la musica dance è un periodo davvero memorabile.

1985

Un anno caratterizzato da uno degli inverni più rigidi in assoluto degli ultimi anni. Una crisi di freddo senza precedenti: Si sciava nel centro di Roma, si andava in slitta a Milano e a Firenze si pattinava sull'Arno gelato. Le temperature raggiunsero punte di ben 21 gradi sotto zero. La lira continua a perdere quota raggiungendo una svalutazione pari all'8%. Nel 1985 lo stipendio medio di un italiano è di 600.000 lire. Nel mese di giugno Francesco Cossiga diventa il nuovo Presidente della Repubblica. In Russia inizia l'era di un uomo che avrebbe dato il via ad una nuova fase politica decisamente più aperta e democratica rispetto al passato: Michail Gorbaciov. Grazie a lui parole come "Perestroika" (trasformazione) e "Glasnost" (trasparenza) entrano a far parte del linguaggio politico internazionale, aprendo sempre di più l'Unione Sovietica al mondo occidentale. La riconferma di Ronald Reagan come Presidente degli Stati Uniti fa volare il dollaro per la prima volta oltre le 2.000 lire. Il 19 luglio arriverà a toccare quota 2.200 lire. In Italia la "Y 10", la piccola utilitaria della Lancia, viene eletta auto dell'anno, conquistando il mercato e diventando una delle vetture più vendute nel nostro Paese. Il Verona vince quest'anno il suo unico e meritatissimo scudetto. Il 29 maggio lo sport vive uno dei suoi momenti più dolorosi a causa della tragedia che si consuma in diretta tv allo stadio Heysel di Bruxelles, in occasione della finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool. 39 italiani perderanno la vita a causa del crollo di un muro, adiacente alla tribuna destinata ai supporter juventini, nell'impianto sportivo belga decisamente fatiscente. Risale al mese di ottobre il sequestro del transatlantico Achille Lauro ad opera di un commando palestinese, che costerà la vita ad un passeggero ebreo di nazionalità americana. Nel 1985 viene ritrovato sul fondo del mare il Titanic naufragato 73 anni prima. Si cerca un grande tesoro in diamanti e gioielli nascosti nelle sue casseforti per un valore stimato di circa 11 miliardi di lire dell'epoca. Il mondo della letteratura è in lutto per la scomparsa di due grandi scrittori: Italo Calvino ed Elsa Morante. Anche il mondo dell'arte perde uno dei suoi più grandi esponenti come Marc Chagall. Al cinema il film più visto è "Ritorno al futuro", una pellicola fantasiosa e molto divertente di Robert Zemeckis con Michael J. Fox. Per quanto riguarda la musica due sono gli eventi più importanti dell'anno. Il primo è certamente il grande concerto di Bruce Springsteen a Milano, il secondo, che si può considerare uno dei più importanti avvenimenti del secolo, si svolge in contemporanea a Londra e a Philadelphia: si tratta del "Live Aid", il mega concerto a favore dell'Africa con 140 paesi collegati in mondovisione, un miliardo e mezzo di telespettatori e oltre 100 miliardi d'incasso. Partecipano tutte le più famose rock stars dell'epoca. Un evento mediatico senza precedenti, dal quale scaturisce anche un disco, "We are the world", che arriva subito al primo posto in classifica. Inizia da quest'anno la grande ascesa di Madonna. In tv si assiste al trionfo dello storico programma "Quelli della notte" con Renzo Arbore. La sigla della trasmissione diventa un grande successo.

1986

è un anno di transizione, che scorre senza avvenimenti di particolare rilievo a parte la tragedia che ha coinvolto la navicella spaziale Challenger, esplosa in volo dopo 75 secondi dalla partenza, causando la morte di tutti i componenti della missione. Gli avvenimenti politici del nostro Paese sono caratterizzati dall'inarrestabile ascesa dei socialisti e del loro leader Bettino Craxi, che nel mese di giugno rassegna le dimissioni dopo un mandato record di ben 1.060 giorni. L' interregno di Andreotti ha vita breve: nel mese di agosto la poltrona di Presidente del Consiglio torna ancora ad essere saldamente nelle mani di Craxi al suo secondo incarico. A Firenze si apre il XVII° congresso del PCI. Nella direzione spiccano già i nomi di Occhetto, Fassino e D'Alema. L'Italia, con Craxi, entra a far parte della ristretta cerchia del Club dei Cinque, insieme a USA, Giappone, Francia, Germania e Inghilterra. Il 21 aprile avviene l'esplosione del reattore nucleare di Chernobyl in Ucraina. L'incidente genera una nube radioattiva che si sparge nei cieli d'Europa, diffondendo l'allarme e la sindrome da nube tossica in tutto il continente. In America si grida all'ennesimo scandalo che coinvolge la Casa Bianca. Questa volta si parla dell' "Irangate", che ha come protagonista Ronald Reagan, accusato di aver venduto armi all'Iran. Dopo i primi computers arriva quest'anno la prima versione di Windows. E' un'interfaccia con poche funzioni, ma è l'inizio di quello che diventerà tra pochi anni il monopolio assoluto della Microsoft di Bill Gates. Numerosi gli eventi di carattere artistico e culturale che si svolgono in Italia. A Firenze si apre "Firenze per l'Europa", un ciclo di mostre in occasione della ricorrenza della nascita di Donatello. Il futurismo, in tutti i suoi molteplici aspetti, viene celebrato a Venezia in una mostra a Palazzo Grassi. La stagione cinematografica è dominata dal grande successo di "Nove settimane e mezzo" del regista Adrian Lyne, con Mickey Rourke e la bellissima Kim Basinger. Degno di menzione è l'Oscar alla carriera assegnato a Paul Newman per "Il colore dei soldi"(the color of the money), che ottiene un buon successo. In televisione debutta "La Corrida", dilettanti allo sbaraglio, condotta impeccabilmente dal grandissimo e indimenticabile Corrado. Polemica e ricca di colpi di scena l'edizione '86 di Fantastico, memorabile soprattutto per il famoso botta e risposta tra Pippo Baudo e l'allora Presidente della Rai Enrico Manca, che accusò il noto presentatore siciliano di fare varietà "nazional-popolare", battuta infelice e non gradita da Baudo, che deciderà in seguito di lasciare la Rai per approdare alle reti Fininvest. Per quanto riguarda la musica il 1986 è l'anno di Madonna, grazie allo straordinario successo dell'album "True blue". Il goliardico Renzo Arbore ci regala una delle canzoni più canticchiate dell'annata dagli Italiani: "Il clarinetto", che fa filù filù filà…..

1987

Un anno conflittuale per la politica. L'Italia conosce una delle crisi di governo più aspre degli ultimi anni, a causa della disputa in atto in parlamento tra i socialisti di Bettino Craxi e i democristiani di Ciriaco De Mita. Dopo lo scioglimento delle Camere a giugno si va alle elezioni anticipate. Nel mese di luglio vengono avviate le consultazioni per la formazione di un nuovo governo, che viene affidato a Giovanni Goria. Inizia quest'anno l'intifada da parte dei Palestinesi, che protestano contro l'occupazione dei territori da parte degli Israeliani. Purtroppo è il preludio di quella che poi è degenerata in una vera e propria guerriglia quotidiana alla quale assistiamo ancora oggi in Medioriente. Nel 1987 si diffonde anche in Italia l'allarme Aids. Dilagano in tutto il Paese opuscoli, manuali e campagne informative, patrocinate dalla Commissione nazionale per la lotta contro l'Aids, a favore della prevenzione contro quella che viene ormai considerata "la peste del secolo". Il Governo vara durante il corso dell'anno la riforma del codice di procedura penale, che non veniva ritoccato dagli anni '30. La letteratura mondiale celebre due grandi scrittori che vendono moltissimo anche da noi: Ken Follet e John Grisham. Quest'ultimo è l'autore di "Rapporto Pelikan" e "Il cliente", da cui verranno tratte in seguito due pellicole di successo. A Proposito di cinema, il film più visto è sicuramente "Attrazione fatale", che ha come protagonisti Michael Douglas e Glenn Close. In tv torna finalmente Enzo Tortora, che riprende il suo ciclo di trasmissioni di "Portobello". Prendono il via anche alcuni programmi di informazione come "Mixer cultura" e "Samarcanda" di Michele Santoro. Nel varietà spicca l'edizione molto discussa di Fantastico condotta da Adriano Celentano, passata alla storia per i famosi "silenzi" ricchi di suspence e i sermoni di stampo ecologico-sociale improvvisati dal "molleggiato" durante il programma.

1988

l'anno si presenta come uno dei più pacifici e tranquilli del decennio. Non si riscontrano eventi particolarmente sconvolgenti a parte un disastroso terremoto che colpisce l'Armenia verso la fine dell'anno. L'unica che sembra non risentire di questo clima disteso è la politica italiana. Esplode lo scandalo delle tangenti per le carceri d'oro, che investe come un ciclone il segretario del PSDI Franco Nicolazzi, costretto alle dimissioni. Nel mese di marzo si dimette anche il Governo Goria, messo in crisi dalla vicenda relativa alla centrale nucleare di Montalto di Castro. Nel mese di aprile si insedia il nuovo Governo presieduto dal leader della DC Ciriaco De Mita. Le amministrative di maggio confermano la crescita della DC e del PSI e decretano un vistoso calo del PCI, che si rimette in discussione aprendo dibattiti e riflessioni tra i propri sostenitori. A giugno il nuovo segretario del Partito Comunista diventa Achille Occhetto. Si apre il caso della Sacra Sindone. Alcuni esami specifici dimostrerebbero che il telo di lino su cui , secondo la credenza, è raffigurato il volto di Cristo, risalirebbe in realtà ad un' epoca superiore. La Chiesa pertanto dichiara che si tratta di un falso. Si apre a Torino il primo "Salone del libro". E' un successo, sia per la nutrita presenza di editori, oltre cinquecento, che per la grande affluenza di pubblico. Il cinema consacra quest'anno "L'ultimo Imperatore" di Bernardo Bertolucci, che conquista 9 Oscar. Molto apprezzato, soprattutto dalla critica, "La leggenda del santo bevitore" di Ermanno Olmi, ma il film rivelazione è sicuramente "Donne sull'orlo di una crisi di nervi", il primo grande successo di Pedro Almodòvar. Nel 1988 per la prima volta si comincia a parlare di comunicazioni senza fili, di nuove tecnologie che permetterebbero ai computer di comunicare tra loro da parti opposte del pianeta in tempo reale: si prepara il terreno all'avvento di internet, il mondo in rete. Si sviluppa parallelamente il mercato delle antenne paraboliche, con le quali si possono ricevere i canali via satellite. Fenomeno musicale dell'anno è Lorenzo Jovanotti, un'altra creatura di Claudio Cecchetto. I ragazzi si scatenano al ritmo di "E' qui la festa?" e "Gimme five"che diventano presto i tormentoni dell'anno.

1989

è l'anno della svolta. Dodici mesi intensi e ricchi di avvenimenti che cambiano letteralmente il mondo dal punto di vista politico, sociale e culturale. La rivoluzione parte ancora una volta dai giovani che sono il motore trainante della ribellione ai regimi totalitari e monopartitici che governano molti stati dell'Est. Inizia davvero un nuovo corso della storia. Cade il muro di Berlino davanti agli occhi del mondo e dei capi di stato presenti alla storica cerimonia, che segna ormai anche il disgelo nei rapporti tra le due superpotenze Stati Uniti e Russia. Le truppe sovietiche vengono ritirate dall'Afghanistan e dai paesi dell'Europa centro orientale. Il Presidente russo Gorbaciov annuncia inoltre il progressivo ritiro dei missili dai paesi del Patto di Varsavia e la riduzione degli armamenti nucleari. L'era Breznev è ormai soltanto un lontano ricordo. In Cina gli studenti scendono in Piazza Tien An Men per protestare contro il regime. Si tratta della più grande dimostrazione messa in atto dai tempi di Mao: più di mezzo milione di persone manifestano per ottenere maggiore libertà e democrazia. Purtroppo il regime reprimerà in maniera molto violenta le agitazioni studentesche, causando la morte di numerosi giovani dimostranti. L'immagine di un ragazzo che da solo sbarra la strada ad un carro armato in segno di sfida farà il giro del mondo. A partire da quest'anno e per i primi anni '90 avviene una vera e propria rivoluzione anche in campo tecnologico. Le aziende si affidano quasi totalmente alle reti computerizzate, mentre i personal computer per uso domestico costituiscono ormai una consuetudine nelle famiglie italiane. Intanto i venti insurrezionali della Cina soffiano un po' dappertutto nell'Europa dell'est: Polonia, Ungheria, Bulgaria, Cecoslovacchia e Romania sono in subbuglio. Proprio a Bucarest, verso la fine dell'anno, vengono deposti e giustiziati i coniugi Ceausescu, a capo di uno degli ultimi e più irriducibili regimi totalitari d'Europa. Mentre nel Vecchio Continente gli avvenimenti si susseguono, il 1989 in Italia è un anno piuttosto scevro di eventi particolarmente importanti. Abbiamo la consueta crisi di Governo e l'ennesima nuova formazione presieduta, questa volta, da Giulio Andreotti al suo sesto incarico come Presidente del Consiglio. Il segretario del PCI, Achille Occhetto, si adopera per la rifondazione del partito e la creazione di una nuova area politica unitaria della sinistra. Infine entra definitivamente in vigore quest'anno il nuovo codice di procedura penale, che introduce tra le novità il patteggiamento, un modo di procedere più immediato e sbrigativo. Il mondo della letteratura è scosso dall'arrivo dei famosi "Versetti satanici", che costano al suo autore Salman Rushdie gli anatemi del mondo islamico. E' comunque il libro più letto dell'anno. In televisione, per la prima volta, il discorso del Presidente della Repubblica viene trasmesso a reti unificate anche dalle tv private. La Rai lancia volti e programmi nuovi: arrivano "Blob", il ciclone Chiambretti e Lilli Gruber, l'anchor-woman più sexy d'Italia. La stagione cinematografica offre quest'anno due grandi pellicole: "A spasso con Daisy" e "L'attimo fuggente". Rivelazione tutta italiana quella di Giuseppe Tornatore, che ottiene un enorme successo con "Nuovo cinema Paradiso". E' un anno da ricordare anche per la musica. Sbarcano in Italia i Pink Floyd, che si esibiscono in un concerto memorabile nella suggestiva cornice della città di Venezia. Gli Italiani impazziscono per la "Lambada", ballatissima in tutte le discoteche.

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu